Sara Trentanovi

Sono Sara Trentanovi, originaria di Firenze ma vivo a Padova dai tempi dell’università, sono Psicologa dello Sviluppo e dell’Educazione. Durante il mio percorso di crescita professionale ho incontrato Enea, un bambino con autismo grave, con lui non servivano le parole per comunicare, tutto viaggiava su un’altra frequenza, mi ha insegnato a vedere il mondo attraverso i suoi occhi e da qui ho capito quale sarebbe stata la mia strada.. Ho fatto un master in analisi del comportamento applicata (ABA) con conseguente certificazione internazionale conseguendo il titolo di BCBA. Attualmente lavoro come Analista del comportamento sia a Padova sia in altre parti d’Italia. Il forte legame che negli anni è rimasto con i genitori di Enea, mi ha dato la determinazione nel voler dar voce alle “Parole di Enea” costituendo questa Associazione con l’intento di creare un riferimento sul territorio padovano per la presa in carico di bambini come Enea o con altre disabilità, offrendo interventi “basati sull’evidenza scientifica” secondo le indicazioni dell’istituto Superiore della Sanità.

Sara Ballarin

Sono Sara e ho 46 anni vivo a Treviso ho una bimba di nome Giulia e sono moglie di Filippo, sono un medico specialista in medicina interna, sono fermamente convinta che i bisogni socio-sanitari alla persona debbano trovare una risposta nelle istituzioni ma al momento questo non si realizza…da mamma credo nel futuro dei nostri bambini e con l’ associazione le Parole di Enea spero di arrivare dove le istituzioni purtroppo sono assenti…

Cristina Bullo

Mi chiamo Cristina Bullo medico dipendente del SSN, sostenitrice e volontaria della ONG “Medici con L’Africa CUAMM” con la quale ho fatto 2 missioni in Mozambico.


Sono soprattutto mamma di Martina, sorella di Gloria e zia di 4 splendidi fratelli : Sofia, Leonardo, Letizia ed Enea… è grazie ad Enea che ho deciso di contribuire alla nascita di questa associazione.


Enea da bambino autistico grave non verbale nei suoi 13 anni ha scosso ed animato la nostra vita senza tuttavia avere mai pronunciato quelle parole che dal momento della precoce diagnosi ad oggi avemmo voluto sentirgli dire. Enea ci parla in vari modi e lo fara’ anche attraverso questa associazione, le sue parole saranno rivolte a tutti quei bambini e ragazzi che come lui ogni giorno faticano per affermare la loro faticosa identità tra noi “neurotipici “…

Andrea Bisognin

Mi chiamo Andrea Bisognin. Sono laureato in Medicina e Chirurgia, ho lavorato per molti anni nella ricerca universitaria ora sono un informatico professionista.

Sono il papà di Enea, il suo autismo, oltre a cambiare per sempre la mia vita e quella della mia famiglia, mi ha fatto conoscere un mondo dove proliferano teorie pseduoscientifiche sia sulle cause dell’autismo che sui possibili trattamenti.

Queste credenze allontano le famiglie dai pochi trattamenti di provata efficacia e le espongono a rischi e a spese inutili aggravando la loro fragilità.

Da allora cerco di fare il possibile, con i mie pochi mezzi, perchè i bambini con diagnosi recenti non siano esposti a trattamenti inutili e/o dannosi.